Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 2 aprile 2010

image 

Anche quest’anno la Biblioteca Provinciale in collaborazione con la Provincia di Cagliari propone l’attività itinerante di promozione e diffusione della lettura “Biblioteca e Territorio – Viaggi e Letture”. Otto percorsi attraverso otto territori diversi che da marzo a giugno interesseranno otto luoghi simbolo della cultura e della storia sarda.

L’attività si svolge secondo un calendario di eventi domenicali e si articola in momenti di incontro con autori, relatori e visite ai siti, affrontando diversi ambiti tematici: archeologia, storia, economia. I percorsi sono strutturati in funzione del territorio visitato e prevedono per ogni domenica un convegno-dibattito con gli autori, il pranzo in un agriturismo locale che offrirà l’opportunità di rivisitare gli antichi sapori della cucina tradizionale sarda, ed una visita guidata ai siti.

 

Presentazione delle attività e schede degli Autori [file .pdf]

Locandina [file .pdf]

 

Programma:

    Dalle incantevoli sculture bronzee alla statuaria di Monte Prama

di Pierluigi Montalbano

Domenica 14 Marzo ore 11 – Nuraghe Arrubiu – Orroli

    La rivolta di Ampsicora: cronaca della prima battaglia per l’indipendenza

di Maurizio Corona

Domenica 28 Marzo ore 11 – Monte Sirai – Carbonia

    La politica nuragica: dai regni tribali alle aristocrazie giudicali

di Giovanni Ugas

Domenica 18 Aprile ore 11 – Santuario Santa Vittoria Serri

    Arte e devozione a Mandas

di Alessandra Pasolini

Domenica 25 Aprile ore 11 – Mandas

    Archeologia Cristiana in Sardegna

di Rossana Martorelli

Domenica 9 Maggio ore 11 – San Basilio

    Chiese romaniche dei monaci vittorini in Sardegna

di Roberto Coroneo

Domenica 23 Maggio ore 11 – Nora

    Il Tempio di Antas

di Carla Del Vais

Domenica 30 Maggio ore 11 – Fluminimaggiore

    Sardi, Nuragici e Shardana nel Mediterraneo del Bronzo

di Pierluigi Montalbano

Domenica 13 Giugno ore 11 – Teulada

 

 

CONTATTI:

Biblioteca Provinciale di Cagliari

Vico XIV S. Giovanni 8/12 – Cagliari

Tel. 070.4092901

e-mail: biblioteca@provincia.cagliari.it
sito web: http://www.provincia.cagliari.it/
blog: http://www.bibliotecaprovincialecagliari.wordpress.com/

 

Tel. 070.498594 – 333.2070515 e-mail pierlu.mont@libero.it

R.A.

Read Full Post »

image

Venerdì 9 aprile 2010, presso la rinnovata sala della Cineteca Sarda  prende il via la retrospettiva “Marco Bellocchio – I pugni sullo schermo” dedicata all’opera di uno degli autori più noti e apprezzati del cinema italiano. Già nelle sue prime opere giovanili, passando per alcuni capolavori come I pugni in tasca, e arrivando fino ai suoi ultimissimi lavori come Vincere, Bellocchio ha raccontato, in cinquant’anni di carriera dietro la macchina da presa, un’Italia sfaccettata e complessa, spesso sofferente e legata al suo passato e al suo presente più tragico (il fascismo, il terrorismo), e una società confusa, dominata da istinti crudeli e pericolosi (il potere della stampa, i manicomi) con uno sguardo a volte duro, a volte compassionevole, ma mai banale, ipocrita, assolutorio.

La rassegna, organizzata dalla Società Umanitaria – Cineteca Sarda di Cagliari con il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari, sarà inaugurata venerdì 9 aprile alle ore 20, con l’introduzione di Gianni Olla e Antonello Zanda e la proiezione di “I pugni in tasca”. La retrospettiva prevede anche alcuni momenti di approfondimento sull’opera del regista, tra i quali un intervento di Paola Malanga, autrice del volume “Marco Bellocchio. Catalogo ragionato”, venerdì 16 alle ore 18.30, e l’incontro con lo stesso regista Marco Bellocchio e con il Conservatore della Cineteca Nazionale Enrico Magrelli previsto per il giorno venerdì 7 maggio alle ore 18.30.

 

Programma

venerdì 9 aprile

ore 20.00: introduzione di Gianni Olla e Antonello Zanda

ore 20.15: I PUGNI IN TASCA (1965)

martedì 13 aprile

ore 18.00: Cortometraggi

ABBASSO IL ZIO (1961)

LA COLPA E LA PENA (1961)

GINEPRO FATTO UOMO (1962)

DISCUTIAMO DISCUTIAMO (episodio di “Amore e rabbia”, 1969)

venerdì 16 aprile

ore 18.30: Il cinema di Marco Bellocchio: incontro con Paola Malanga
ore 20.00: LA CINA È VICINA (1967)

martedì 20 aprile

ore 20.00: NEL NOME DEL PADRE (1971)
introduzione di Gianni Olla

venerdì 23 aprile

ore 20.00: IL GABBIANO (1977)
introduzione di Antonello Zanda

mercoledì 28 aprile

ore 18.00: GLI OCCHI, LA BOCCA (1982)

ore 20.00: ENRICO IV (1984)
introduzione di Elisabetta Randaccio

venerdì 30 aprile

ore 20.00: LA VISIONE DEL SABBA (1988)

martedì 4 maggio

ore 18.00: IL SOGNO DELLA FARFALLA (1994)

ore 20.00: IL REGISTA DI MATRIMONI (2006)

venerdì 7 maggio

ore 18.30: incontro con il regista Marco Bellocchio e Enrico Magrelli (Cineteca Nazionale)

ore 20.00: VINCERE (2009)

 

 

CONTATTI:

SOCIETA’ UMANITARIA – CINETECA SARDA

V.le Trieste, 126 – Cagliari

070/275271 – 070/280367

umanitaria.ca@tiscali.it

cinetecasarda@tiscali.it

http://cinetecasarda.blogspot.com/

 

R.A.

Read Full Post »

image

Dal 15 aprile al 15 giugno 2010

Mostra Il popolo di bronzo: Ricostruzione a dimensione reale di armi, abiti ed utensili dei bronzetti nuragici.

Con quest’esposizione si intende proporre una possibile ricostruzione di armi, abiti, accessori e utensili nuragici, realizzati con i materiali e antiche tecniche di lavorazione, basata sulla rigorosa osservazione dei bronzetti iniziata col libro “Il Popolo di Bronzo” (Angela Demontis 2005). L’uso di tali materiali in epoca antica è avvalorato da citazioni storiche che ne testimoniano l’impiego. Proprio lo studio del piccolo “esercito” di bronzo ci fa vedere come dovevano essere abbigliate le persone in epoca nuragica, come una sorta di scatti “fotografici” dell’epoca. Attraverso un’attenta analisi delle statuette di bronzo si acquisiscono informazioni sul gusto estetico, sull’articolazione sociale e sui mestieri di una società che veniva a contatto con diversi popoli dell’area mediterranea e che da questi contatti e confronti culturali acquistava e proponeva a sua volta stimoli importanti per la crescita e lo sviluppo delle diverse etnie.

Inaugurazione: 15 aprile alle ore 17,00 presso la Sala Rossa – Cittadella dei Musei, Piazza Arsenale, Cagliari.

Dove: Museo Archeologico – Cittadella dei Musei, Piazza Arsenale, Cagliari

Orari: dal Martedì alla Domenica  dalle ore 9.00 alle ore 20.00 (Chiuso Lunedì)

Prezzi: Intero  € 4,00 (dai 25 ai 65 anni );

Ridotto € 2,00 (dai 18 ai 25 anni);

€ 5,00 (biglietto cumulativo Museo Archeologico Nazionale + Pinacoteca).

Esenzione biglietto fino ai 18 anni e oltre i 65 anni

Inserita nel programma del MIBAC per la Settimana della Cultura 2010

Per Info:

Segreteria organizzativa Settore Politiche Culturali della Provincia di Cagliari Ufficio Lingua sarda – Tel. 070 4092361 – 070 4092373 – 070 4092492 – 070 4092241 – Fax 070 4092312
avepraio@provincia.cagliari.it
www.provincia.cagliari.it

Locandina Il popolo di Bronzo

K.S.

Read Full Post »

image

Anche Aprile è animato dall’attività concertistica del Palazzo Regio

  • Mercoledì 7 aprile ore 21,00

TRA VIRTUOSISMO E RICERCA

Marco Ravasio (violoncello)

  • Mercoledì 14 aprile ore 21,00

CLOSE TEXTURE

Tataksuna Mukai (violino, live electronics),

Adriano Orrù (contrabbasso)

  • Mercoledì 21 aprile ore 21,00

ARIE D’OPERA

Andrea Medda (Basso), Nadia Fois (Soprano),

Andrea Cossu (pianoforte).

  • Mercoledì 28 aprile ore 21.00

I QUINTETTI DI WOLFGANG AMADEUS MOZART

Alberto Cesaraccio (oboe), Antonio Puglia (clarinetto), Fortunato Casu (violino), Alessandro Puggioni (violino e viola), Gioele Lumbau (viola), Fabio De Leonardis (violoncello)

Ingresso gratuito


Dove: Palazzo Regio, Piazza Palazzo, 2 Cagliari Tel. 0704092000

Per Info:

Direzione artistica Provincia di Cagliari – Assessorato Cultura e Sistema Museale.
Francesca Sassu: francesca.sassu@provincia.cagliari.it
Giorgio Murtas: gmurtas@provincia.cagliari.it

Locandina Aprile a Palazzo Regio

K.S.

Read Full Post »

image

Sabato 10 aprile 2010 alle ore 18.30

inaugura la mostra fotografica Retrospectique.

La prima installazione proposta nell’ambito dei festeggiamenti per il ventennale artistico di Giovanni Coda, comprende opere fotografiche e stills video che partono dal 1995 fino al 2006.

 

“Non sono pochi vent’anni di impegno nel mondo difficile e usurante dell’arte, non sono pochi per riconsiderare il passato e spingere la previsione di un domani. Sono anni fondanti e provvisori allo stesso tempo per chi, come Giovanni Coda, ha visto il suo lavoro allargare incessantemente il campo d’indagine con approdi incalzanti altri approdi in un viaggio all’insegna dell’emozionalità più spinta. 
Gli esordi nel campo letterario, nel racconto in particolare, sono indicativi di un’attitudine alla narrazione che, più tardi, il teatro, la fotografia, la videoinstallazione, hanno confermato a sufficienza. Raccontare la vita attraverso l’immagine, è divenuto compito primario per Giovanni Coda che, della vita, ha più volte cercato enigmi e metafore, simboli e astrazioni, evocative condizioni dell’essere in imperfetta tensione, in visionaria attesa di possibili scioglimenti.
Quando, nel 1995, ha deciso di dedicarsi con più intensa concentrazione alla fotografia e alla videoarte non ha smesso, in realtà, di ridefinire i confini di un linguaggio che si alimenta e si rinnova con altre espressioni sottese al medium elettivo ma pulsanti di materia viva nella scena rappresentata. Così, la musica, la pittura, la grafica, la scenotecnica sono solo possibili sconfinamenti di un immaginario sperimentale, se si vuole eccessivo ma coerente, traboccante eppure organico, spiazzante ma lucidamente rigoroso. Ha condiviso, perciò, con artisti di provenienza incredibilmente varia le sue innumerevoli ricerche: dall’animazione alla danza, dall’incisione alla filosofia, dalla regia alla coreografia. Mai pago, mai sedato, Giovanni Coda è un’anima vagante e in continua metamorfosi. Cambia città, abitazione, registro espressivo convinto che, nella vita, valga l’unica legge di essere se stesso, autentico fino al midollo, determinato fino a costo di essere controcorrente.
Una sensibilità pruriginosa e una stuzzicante curiosità lo guidano in territori non agevoli, aprono scenari sonnolenti, risvegliano questioni che sarebbe meglio lasciare piene di polvere. Come l’ultimo lavoro, ancora in fieri, dove si addentra nei meandri d’una discesa agli inferi, in un girone pieno di sofferenza e umana partecipazione.
Da questa prospettiva i suoi lavori non lasciano mai indenni, non scivolano in nessun caso nel puro estetismo anche quando l’immagine si propone sapientemente cesellata, giocata su ritmi classicamente impostati o definita nel luminoso equilibrio del bianco e nero. Coinvolto senza riserve in una concezione di lavoro che può apparire persino desueta, privo di quel manierismo che dilaga nel contemporaneo, Giovanni Coda insegue un ideale ancora romantico dell’artista testimone del proprio tempo dove l’arte si identifica con la vita, con il pensiero, con le emozioni o la razionalità con cui si fanno i conti con il reale.
Vent’anni non sono pochi, ma neanche tanti se si riesce a non rinunciare alle proprie ragioni. Auguri, Giovanni, tanti altri anni di libera espressività.”
Mariolina Cosseddu
Critico e Curatore d’Arte

 

Orario: 

Dal martedì alla domenica dalle ore 18.30 alle ore 20.30

Lunedi riposo

Prezzo:

L’ingresso all’esposizione è gratuito

Dove:

Galleria G28 – Palazzo Marini- Via Ada negri 28, Cagliari

 

Nell’ambito dei festeggiamenti per il ventennale artistico di Giovanni Coda sono in programma altre 3 mostre fotografiche ad esso dedicate in questa manifestazione denominata Retrospetique e comprendente appunto 4 installazioni fotografiche (aprile/maggio e giugno 2010) e una retrospettiva cinematografica (ottobre 2010). I  prossimi appuntamenti sono Bête Noire e Urbana (date e luogo ancora in via di definizione).

 

K.S.

Read Full Post »

image

Domenica 4 aprile 2010

In occasione della Santa Pasqua, domenica 4 aprile 2010, i Centri Comunali d’Arte sotto elencati osserveranno i seguenti orari:

Exmà: Domenica 4 aprile dalle 17 alle 20

Le Torri: Domenica 4 aprile dalle 10 alle 17.30

La Cripta di Santa Restituta: Domenica 4 aprile dalle 10 alle 13

Il Lunedì dell’ Angelo i Centri Comunali d’Arte osserveranno il giorno di chiusura, eccetto:

Ghetto: Lunedì 5 aprile dalle 17 alle 20

Resteranno chiusi in entrambi i giorni: Lazzaretto,  Castello San Michele, Sottopiano Municipio.

CONTATTI:

Consorzio Camù

Segreteria organizzativa

Tel.: 0706402115

Fax: 0706401730

Email: segreteriaorganizzativa@camuweb.it

V.C.

Read Full Post »