Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Mogoro’

image

In omaggio a Joyce Lussu  il Teatro Stabile delle Marche – La Fabrica Teatro,
organizzazione a cura dell’Associazione Le Compagnie del Cocomero mette in scena “Capelli al Vento” il 26 Novembre h. 21,00 Teatro Olata – Quartucciu e il
27 Novembre h. 21,30 Teatro La Fabbrica delle Gazzose – Mogoro.

Una vita straordinaria, epica, che sfiora il mito e la leggenda, con difficoltà si fa riassumere in un’ora e un quarto di spettacolo, di racconto, di poesia e di musica.
Una vita, quella di J o y c e L u s s u, custodita nei suoi libri, dall’autobiografia alla saggistica, dalla poesia alla fiaba.
Sono proprio i suoi scritti il filo rosso che lega Capelli al vento, titolo che nasce da un’affermazione della mamma: “nascondere la testa è in ogni civiltà simbolo di soggezione…la donna libera porta i capelli al vento!"
Capelli al vento percorre la vita di Joyce, in prima persona, senza tentativi di emulazione, ma con lo sforzo, proprio del teatro, di dare voce a chi non l’ha più, e della voce e della parola di Joyce si sente la mancanza, a dieci anni dalla sua scomparsa.
Una vita raccontata tutta al pubblico, guardandosi negli occhi con onestà, un teatro civile, vissuto e coinvolgente.
Al pubblico vengono donate 3 foto, in momenti e modi diversi, immagini che ritraggono Joyce e che lo spettatore potrà tenere come ulteriore ricordo della sua figura .
La musica composta ed eseguita dal vivo da Andrea Mei, con tastiera e fisarmonica, percorre con delicatezza e discrezione tutti i passaggi narrativi ed emozionali, spaziando insieme a loro dai toni più melodici a quelli più popolari, toccando anche ritmi etnici, dall’Africa alla Turchia.
Composizioni semplici ma di grande coinvolgimento.

CONTATTI

Associazione Le Compagnie del Cocomero

lecompagniedelcocomero@gmail.com

Vico Parrocchia 11 – Sestu – Cagliari

Tel .070/26243

R.A.

Annunci

Read Full Post »

io_teatro08_09_small1

Teatro Sant’Eulalia, Vico Collegio 2, Cagliari

Martedi 31 marzo 2009

L’opera racconta di una bambina che viene affidata a delle zie un pò pazze. Queste zie, felici di ospitare la nipotina poco più che neonata, colgono l’occasione per far rivivere quella Memoria Storica fatta di giochi, filastrocche, ninne-nanna, magie e canti che hanno popolato la loro infanzia e che non hanno mai potuto rivolgere ai loro figli in quanto nubili. Questa povera bimba sarà dunque vittima della “follia” benevola delle donne e dalle quali verrà “salvata”, di tanto in tanto, da un nonno ricco di canti e racconti popolari che tanto piacciono alla  piccolina.

Lo spettacolo, spassosissimo e ricco di emozioni, è la dimostrazione che si può raccontare la Memoria Storica mediante quei ricordi, felici e semplici, che hanno accompagnato l’infanzia dei nostri nonni fatta di “giogus”, “Anninnias”, “Contus”; popolata da figure misteriose come “Janas”, “Tiaulus”, “S’ammuttadori”, “S’erchittu”.

Un’infanzia sicuramente povera ma forse per questo ancor più ricca di fantasia e di colore.

( Fonte: SpettacoloSardegna.it)

di: Virginia Garau – Adriana Puddu – Senio Dattena

regia: Virginia Garau

produzione: Tragodia, Mogoro (OR)

Ore: 18.00 solo serale

Informazioni: il Crogiuolo

Tel. 070.663288
Fax 070.657276
ilcrogiuolo@tiscali.it


Read Full Post »