Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Stagione Teatro Ragazzi 2010’

image

 

Giovedì 22 aprile 2010 nella Sala Cristo Re di Valledoria appuntamento con la Stagione Teatro Ragazzi 2010 organizzata dal Cedac.

Alle ore 10.30 andrà in scena Il burattino di legno di S’Arza Teatro, con Maria Paola Dessì, Romano Foddai e Stefano Petretto, scrittura scenica e regia Romano Foddai

LO SPETTACOLO

Lo spettacolo “il burattino di legno” trae spunto dalla famosissima storia di Collodi “Pinocchio”. Da questo racconto son stati tratti molti film e spettacoli teatrali e, proprio in questi giorni esce il remake del famosissimo film animato della Walt Disney completamente rinnovato.

In un periodo di profondo lassismo educativo dove pare che genitori permettano ai loro figli di fare tutto quello che vogliono, dove il concetto di autorità e moralità vengono fortemente messi in discussione da un’idea male interpretata di libertà d’espressione nell’infanzia, il racconto di Pinocchio ancora una volta, a distanza di anni, si ripropone prepotentemente in tutta la sua attualità per i forti messaggi morali ed educativi che veicola.

La rappresentazione di tutti gli effetti negativi dettati da comportamenti che tendono a non rispettare delle regole e quel rapporto di rispetto paterno e di amore filiale che dovrebbe stare alla base di ogni principio educativo su cui una famiglia può costruire le sue fondamenta sono i temi centrali su cui fa perno il racconto. Nel racconto di Pinocchio non è un caso che il padre sia un punto di riferimento per definire il senso del dovere e l’incarnazione della crescita della moralità del bambino che diventerà un futuro adulto.

Il padre rappresenta l’autorità che premia, punisce, indirizza i comportamenti virtuosi del bambino nel corso della sua crescita. In qualche modo l’onestà e la dirittura morale del padre a prescindere dal suo ceto sociale di appartenenza inciderà o la disonestà del burattino bambino futuro adulto.

Questo spettacolo, scritto con un linguaggio adatto ai bambini, viene rappresentato con personaggi che sono immediatamente percepibili come, ad esempio, il grillo “Coscienza”, la Fata Turchina che rappresenta la Dolcezza e il Perdono, i Burattini, il Gatto e la Volpe.

È uno spettacolo rivolto ai bambini ma che strizza l’occhio anche al mondo adulto.

 

Contatti:

ffalchi@tiscali.it

3332579020

M.P.

Read Full Post »

image

Ultimi appuntamenti con lo spettacolo Re Cervo di Carlo Gozzi, adattamento e regia di Francesco Origo, con Francesco Origo, Enrico Incani, Maria Loi, Barbara Usai, Stefania Manis, Giuliano Pornasio, una produzione compagnia Càjka.

Lo spettacolo fa parte della XXX edizione del Circuito Teatrale Regionale Sardo e della Stagione Teatro Ragazzi 2010 organizzati dal Cedac.

Il 6 marzo 2010 Re Cervo sarà a Meana Sardo al Teatro San Bartolomeo (ore 21.00 -Biglietti Posto unico: intero €9 – ridotto €6)

La tournée si concluderà l’8 marzo 2010 al Teatro Centrale di Carbonia (ore 10.30Stagione Teatro Ragazzi 2010)

LO SPETTACOLO

Magico-grottesco, commedia dell’arte, tragico-comico ed esotismo, sono gli ingredienti della fiaba di Gozzi. La storia straordinaria del Re cervo può diventare una favola contemporanea che incute una terribile paura, ambientata in un mondo orrendo, violentissimo, cattivo, in cui tutti i personaggi sono invischiati in una rete di complesse volute barocche.

All’esperienza del teatro barocco e della Commedia dell’arte arcaica Gozzi si ancora tenacemente: da alchimista clandestino, in una società che elegge Goldoni a cantore ufficiale di un mondo bottegaio e borghese di sicuro successo, Gozzi si rivolge al passato, alla tradizione orale e scritta della fiaba persiana, ai complessi artifizi che traducono la metafora in pulsione, per narrare, quasi profeticamente, di un futuro già intuibile.

In questa elaborazione al testo originale si è scelto di eleggere il plot  centrale dell’opera, scarnificato da ogni possibile orpello scenico, per ritrovare le equazioni più pure del teatro popolare nell’azione, nei corpi e nella lingua. Un ennesimo tentativo di “… cacciare il teatro dal teatro”.

CONTATTI:

Pubbliche relazioni

Francesca Falchi

ffalchi@tiscali.it

3332579020

 

R.A.

Read Full Post »