Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Monumenti Aperti’

Quarto appuntamento martedì 5 aprile a partire dalle ore 16, con il ciclo di conferenze dal titolo “Cagliari dall’Unità d’Italia a oggi – luoghi e monumenti fra passato e presente”, seconda edizione del progetto “Le identità locali, città e paesi si raccontano”, proposto dal Comitato Tecnico di Cagliari Monumenti Aperti.

La conferenza “L’architettura della cultura: i musei e le collezioni”, tenuta da Marcella Serreli e Antonia Giulia Maxia (Soprintendenza BAPSAE Cagliari e Oristano), avrà come punto focale la Cittadella dei Musei di Cagliari, che  sorge sul luogo dell’Antico Arsenale, in uno dei punti più panoramici della città di Cagliari, tra resti di fortificazioni spagnole e piemontesi.

-DOVE

Centro comunale d’Arte e Cultura “Il Ghetto”

Via Santa Croce, 18

Cagliari

-QUANDO:

martedì 5 aprile 2011 ore 16

-INFO E CONTATTI:

Centro Comunale d’Arte e Cultura Il Ghetto

Tel. 070 6402115

Si.Mu.

Read Full Post »

image

Si comunica che a causa di improvvisi problemi organizzativi, l’appuntamento di domani, 9 marzo, previsto nella Sala Convegni Infermeria di San Pietro, con Franco Campus (Dipartimento di Storia, Università degli Studi di Sassari) e Alessandro Soddu (Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Sassari) è stato annullato e rimandato a data da stabilirsi. L’incontro rientra nell’ambito della rassegna Le identità locali, città e paesi si raccontano, organizzato nell’ambito di Monumenti Aperti.

Maggiori informazioni:

Segreteria organizzativa Cagliari Monumenti Aperti

info@monumentiaperti.com

Centro Comunale d’Arte e Cultura Il Ghetto,

via Santa Croce 18, Cagliari tel. 070 6402115

Ufficio Stampa Consorzio Camù
c/o Centro Comunale d’Arte e Cultura Exma’
via San Lucifero, 71, 09127 Cagliari
tel   070 655625  / tel/fax.  070 668316
cell. 3466675296
e-mail: ufficiostampa@camuweb.it
www.camuweb.it

M.P.

Read Full Post »

infopoint_thumb4

“LE IDENTITÀ LOCALI – Città e Paesi si raccontano”: XIV edizione Monumenti Aperti 2010 (riservato ai docenti)

Si desidera attirare l’attenzione in particolare sulla giornata di martedì 2 febbraio 2010, all’interno degli incontri che si terranno a Cagliari, dal 20 gennaio al 17 febbraio, presso il Centro Comunale d’Arte e Cultura “Il Ghetto”.

Ricordiamo che, martedì 2 febbraio, nel succitato “Il Ghetto”, con inizio alle h. 16 si terrà un incontro di presentazione dell’edizione 2010 di “Monumenti Aperti”. L’ incontro, riservato ai soli docenti di ogni ordine e grado, verterà sugli aspetti tecnico organizzativi della manifestazione.

Saranno presenti il dirigente dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari Gerolamo Solina, il presidente dell’Associazione Imago Mundi Fabrizio Frongia che interverrà su Tecniche e funzionamento della manifestazione, e Luisa Marini (Italia Nostra) che parlerà sul tema della Didattica dei beni culturali e ambientali.

Contatti:

Segreteria organizzativa “Cagliari Monumenti Aperti”

mail: info@monumentiaperti.com

Centro Comunale d’Arte e Cultura “Il Ghetto”

via Santa Croce 18 – Cagliari

tel.: 070-6402115

Ufficio Stampa “Consorzio Camù”
c/o Centro Comunale d’Arte e Cultura “Exma’”
via San Lucifero 71 – Cagliari
Giuseppe Murru (responsabile), Stefania Cotza, Michela Seu

tel.:        070-655625

tel/fax.:  070-668316
cell.:       346-6675296
e-mail: ufficiostampa@camuweb.it
sito:    www.camuweb.it

M.A.

Read Full Post »

image

Il Comitato Scientifico Regionale di Monumenti Aperti propone a partire dal prossimo 20 gennaio nel Centro Comunale d’Arte e Cultura Il Ghetto, via Santa Croce 18, a Cagliari, un ciclo di conferenze dal titolo Le identità locali – città e paesi si raccontano. La manifestazione ha l’obiettivo di fornire ai docenti che prendono parte a Monumenti Aperti, così come agli appassionati di storia, una serie di informazioni esaustive e aggiornate da un punto di vista scientifico e metodologico. Le prime nove conferenze (tutte della durata di 50 minuti), raccolte in cinque appuntamenti, avranno ad oggetto Cagliari. A queste faranno seguito (date e relatori verranno comunicati successivamente) alcuni appuntamenti nel resto dell’Isola.

Si inizia dunque mercoledì 20 gennaio alle ore 16,00 con Donatella Mureddu (Soprintendenza Archeologica Cagliari e Oristano) che terrà un incontro dal titolo I segni della città: lettura di Cagliari e dei suoi luoghi della cultura attraverso la Topografia; alle ore 17,00 sarà la volta di Roberto Coroneo (Università di Cagliari) che racconterà Come si “legge” una chiesa Romanica.

Secondo appuntamento mercoledì 27 gennaio alle ore 16,00 con Franco Masala (ANISA – Associazione Nazionale Storia dell’Arte) che parlerà di Chiese e conventi urbani – Storia arte e architettura. Mentre alle ore 17,00 sarà il turno di Marcella Serreli (Soprintendenza BAPSAE di Cagliari e Oristano) con Le scuole artistiche di Stampace.

Mercoledì 10 Febbraio alle ore 16,00 Cecilia Tasca (Università di Cagliari) terrà un incontro dal titolo “ La metodologia della ricerca delle fonti archivistiche”, a seguire, alle 17,00 Ester Gessa (Biblioteca Università di Cagliari) parlerà de “ I luoghi della ricerca”.

Informazioni:

Segreteria organizzativa Cagliari Monumenti Aperti info@monumentiaperti.com

Centro Comunale d’Arte e Cultura Il Ghetto, via Santa Croce 18, Cagliari tel. 070 6402115

Ufficio Stampa Consorzio Camù
c/o Centro Comunale d’Arte e Cultura Exma’
via San Lucifero, 71, 09127 Cagliari
tel   070 655625  / tel/fax.  070 668316
cell. 3466675296
e-mail: ufficiostampa@camuweb.it
www.camuweb.it

S.P.

Read Full Post »

image

sabato 24 e domenica 25 ottobre

Arriva alla quarta edizione Monumenti all’aperto, iniziativa ideata e curata dall’amministrazione comunale di Quartu Sant’Elena, ma inserita nel coordinamento regionale di Monumenti Aperti. Anche questa volta la manifestazione è gemellata con il Coast Day promosso dalla Conservatoria delle Coste: le giornate di sabato 24 e domenica 25 ottobre dalle 10 alle 17 saranno dunque le date di svolgimento per un programma che prevede, come è ormai tradizione, visite guidate e gratuite in luoghi di forte interesse ambientale, storico, artistico e paesaggistico. Iniziative organizzate in ogni sito.

Taglio del nastro previsto, quindi, per sabato alle 10 al Caposaldo XVIII “Castroreale” in via Italia (lottizzazione Is Lois-Quartello), si potranno visitare anche il fortino Santu Martinu in via dei Gigli a Flumini, il complesso antinave Is Mortorius, il nuraghe Diana, la torre di Foxi e poi le chiese campestri di Sant’Andrea, San Luca, San Forzorio e Nostra Signora del Buoncammino. La novità di quest’anno sarà Mari Pintau: da mezzogiorno di sabato i visitatori potranno ammirare la zona con la guida di esperti ambientalisti.
Non mancherà il parco di Molentargius: come nelle passate edizioni, saranno organizzate escursioni guidate per osservare da vicino i fenicotteri e assistere all’inanellamento degli uccelli. L’accesso sarà consentito da via Don Giorgi e sarà disponibile un servizio di trasporto per i disabili, con la pedana per il sollevamento delle carrozzine, curato dell’associazione Delta 2000. Per prenotare, bisogna telefonare al numero 070.827203.
Tantissime le iniziative organizzate in ogni sito. Nel caposaldo “Castroreale”, sabato e domenica, dalle 10 alle 17 ci sarà una rievocazione storica del XX secolo con figuranti in divisa d’epoca a cura dell’Assfort Sardegna.
Nel primo giorno di visite ci si potrà dividere tra concerti e mostre. Tra gli altri: nella chiesa di San Forzorio dalle 10 alle 17 “Lavori in estemporanea”, a cura degli studenti del liceo Brotzu. Nella chiesa di San Luca sarà allestita la mostra di arte sacra “I volti di Maria”, mentre nella chiesa di Sant’Andrea alle 12,30 sono in programma “I concerti del libro e della rosa”. Nel pomeriggio alle 16,30 la torre di Foxi ospiterà giochi di ruolo ispirati al Medioevo.

Monumenti Visitabili in sintesi:

Caposaldo XVIII Castroreale
Chiesa di Nostra Signora del Buoncammino
Chiesa di San Forzorio
Chiesa di San Luca
Chiesa di Sant’Andrea
Fortino de Santu Martinu
Is Mortorius – Batteria antinave “Carlo Faldi”
Mare Pintau
Nuraghe Diana
Parco Naturale Regionale Molentargius – Saline
Torre Foxi

http://www.monumentiaperti.com/monumenti.php?idc=110

Link collegati:

Coast day 2009

Monumenti Aperti Sinnai e Monserrato

K.S.

Read Full Post »

 

image

Sabato 24 e domenica 25 ottobre  Sinnai  aprirà ai visitatori sei siti storico-culturali: la Chiesa di Santa Barbara, il Vecchio Municipio oggi Archivio storico e Biblioteca Comunale, la Casa Zedda e la Casa Anedda, la Chiesa di Santa Vittoria e infine il Museo Archeologico e Pinacoteca. Nelle stesse giornate a Monserrato si potranno visitare tre siti: la Chiesa di Santa Maria de Paulis, o della Beata Vergine di Monserrato, la Chiesa di Sant’Ambrogio e la Cantina Sociale di Monserrato. 
La Cantina Sociale, domenica 25 alle ore 16, offre una degustazione dei prodotti tipici monserratini a cura dell’associazione Pro Loco di Monserrato.

 

Informazioni:

www.monumentiaperti.com

M.P.

Read Full Post »

 

Monumenti Aperti approda per la prima volta a Oristano. Appuntamento sabato 17 e domenica 18 ottobre

Oristano aprirà le porte ai visitatori mettendo in mostra siti e monumenti di grande pregio storico–artistico e culturale. La forte identità religiosa di Oristano è riscontrabile nelle 13 chiese aperte per la Manifestazione, appartenenti a diversi stili architettonici e situate fra il centro storico e le periferie della città. Di notevole valore sono la Cattedrale di Santa Maria Assunta, col campanile a canna ottagonale, la Chiesa della Beata Vergine Immacolata, che conserva un prezioso calice d’argento del 1609 e un quadro che rappresenta l’albero genealogico dell’intera famiglia francescana e la Chiesa e l’ospedale di Sant’Antonio Abate, citato nel testamento di Ugone II d’Arborea del 1335 e adibito all’assistenza di malati lebbrosi. Ancora, la Chiesa e il monastero del Carmine, realizzato negli ultimi anni del ‘700 in stile rococò, Chiesa di Sant’Efisio Martire, nel quartiere storico di Su Brugu, la Chiesa e Convento di San Francesco che conserva, fra gli altri preziosi tesori, il Crocifisso di Nicodemo, la Chiesa di San Mauro Abate, cappella del Gremio dei Calzolai che attualmente ospita la Polifonica Arborense, la Chiesa di Santa Lucia, cappella del Gremio dei Muratori edificata fra il XVI e il XVII secolo, la Chiesa di Santa Petronilla, di origine medievale con un impianto mononavato e la Chiesa del Santo Spirito, che secondo alcune fonti risalirebbe all’epoca bizantina. Infine, spostandosi dal centro verso le periferie, sarà possibile ammirare l’Oratorio delle Anime, antica Chiesa di San Nicola, adiacente alla chiesa parrocchiale dedicata a Santa Maria Assunta nell’abitato di Massama, la Chiesa di San Giovanni Battista, cappella del Gremio dei Contadini a circa un chilometro dal centro della città e duecento metri dal cimitero di San Pietro e la Chiesa di Santa Maria Maddalena, situata nella frazione di Silì e testimone di importanti fatti storici come la costruzione di un convento per i Minori e l’ingresso nella storia del Giudicato di Arborea con Mariano IV. Ed è proprio al periodo dei Giudicati che appartiene la Casa di Eleonora, dimora signorile situata nel centro storico della città, non lontano dalla Statua di Eleonora d’Arborea che, situata nell’omonima piazza, mantiene l’impronta classicista conferitagli nella prima metà dell’Ottocento. Risalgono invece all’epoca di Mariano II la Cinta muraria medievale, voluta dal Giudice sul finire del XIII secolo per fortificare l’intera città, la Torre di San Cristoforo o di Mariano II, eretta nell’ingresso settentrionale della città nel 1290 e la Torre di Portixedda, risalente anche questa alla costruzione dell’intera cinta muraria e delle torri maggiori, e menzionata, in alcuni documenti, con il titolo di Porta de Su Castellanu. Altri monumenti a scopo difensivo visitabili nella due-giorni sono la Gran Torre, la maggiore delle torri litoranee erette fra il tardo Cinquecento e i primi del Seicento per la difesa antibarbaresca e il Palazzo Arcais, residenza di Don Mariano Nurra Conca che durante il Regno Sabaudo ne chiese l’edificazione per proteggersi contro i nemici d’oltremare. Visitabili, infine, l’Archivio Storico Comunale, che offre uno spaccato della storia di Oristano dal 1479 e il museo comunale Antiquarium Arborense, che, nato nel 1938, ospitava la casa del Fascio oristanese.

I Monumenti saranno visitabili gratuitamente nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 ottobre sia di mattina che di pomeriggio, secondo gli orari indicati per ciascun sito.

Nelle chiese le visite verranno sospese durante le funzioni religiose.

Notizie ed informazioni saranno disponibili nei punti informativi presso l’Ufficio Turistico della Provincia di Oristano, sito in piazza Eleonora, l’Antiquarium Arborense – Museo Archeologico di Oristano e il punto informativo in piazza Roma.

Un bus navetta gratuito che conduce alle frazioni di Oristano (Silì, Massama, Donigala Fenughedu e San Giovanni dei Fiori) partirà dalla Piazza Roma ogni ora (prima corsa mattina ore 9,30 – prima corsa pomeriggio 15,30).

È facoltà dei responsabili e degli organizzatori della manifestazione limitare o sospendere , per la sicurezza dei beni o dei visitatori, in qualsiasi momento, le visite ai monumenti.

I punti informativi sono realizzati in collaborazione con l’Associazione Italiana Persone Down.

Informazioni:

www.monumentiaperti.com
Segreteria organizzativa 070-6402115 info@monumentiaperti.com

S.M.

Read Full Post »

Older Posts »